TECH AREA
Tech Doctor
OVERVIEW
.........................................................................................................................................................................................
The Kona Way
Abbiamo appena terminato di spiegare perché Kona si rifiuta di incorporare design di
sospensioni multilink complicati nella nostra linea di biciclette e ora, eccoci qui, mentre lanciamo
una nuova piattaforma, il cui brevetto è in sospeso, denominata Magic Link™.

Ogni azienda di biciclette e sospensioni lotta per trovare un equilibrio tra la ricca e attiva sospensione
e l’efficienza nella pedalata. Kona non è diversa. Lottiamo costantemente per offrire la migliore
combinazione di funzione e durevolezza in tutta la nostra gamma di biciclette. Magic Link è la nostra
risposta a questa costante ricerca poiché si applica a uno specifico ed emergente genere di bicicletta,
la Enduro/Freeride. Le biciclette che devono andare bene in salita così come in discesa.
Coilair

Tuttavia, guardate un po’ più da vicino e vedrete che Magic Link non si differenzia molto dal sistema a 4 bracci.
Infatti, esso usa tutti gli stessi elementi del design a 4 bracci con una leggera e sostanziale modifica. Il Magic Link
è, in termini semplici, un “quinto braccio”- una parte mobile supplementare che permette una maggiore gamma di
capacità nella prestazione della nostra linea di biciclette a doppia sospensione Enduro/Freeride.

Con queste biciclette per percorsi da medi a lunghi-la nostra serie CoilAir— abbiamo pensato che i 4 bracci non
offrissero quello che era necessario. Volevamo una bicicletta che fosse in grado di scalare molto bene e di scendere
come un demone, senza ricorrere all’uso di trucchetti o aggiustamenti esterni. Una bicicletta che potesse adattarsi
al terreno inerente…. da sola. Apportando ulteriori innovazioni al nostro sperimentato e vero sistema a 4 bracci,
abbiamo la sensazione di aver trovato la soluzione. Una bicicletta che offre tutto questo.

.........................................................................................................................................................................................

works
A. Immaginate una bicicletta per percorsi da medi a lunghi che
è stata progettata per eccellere sia quando sale che quando si
sta pedalando duramente: 6 pollici di escursione posteriore
relativamente rigida e lineare con il davanti e gli angoli della
sella più appuntiti e una posizione per pedalare più comoda,
potente e diritta.

B. Immaginate la stessa bicicletta mentre va in discesa,
rompendo e colpendo grandi cunette. Non è ideale, vero?
Bene, immaginate che la stessa bicicletta abbia la possibilità
di cambiare la sua escursione posteriore in modo che diventi
più progressiva, con una sospensione più morbida nelle fasi
iniziali del viaggio e una maggiore resistenza del fondo per quegli
atterraggi così duri. Non solo questo, immaginatevi se l’escursione
di questa bicicletta potesse essere aumentata da 6 pollici a 7.4 pollici,
la sua geometria modificata in un davanti e in angoli della sella più
morbidi, mentre il movimento del collegamento ha permesso alla ruota
posterioredi avere una traiettoria all’indietro iniziale per un migliore
assorbimento della cunetta quadrata.  

ill b

Sembra troppo bello, vero? Non ci siamo ancora
arrivati. Immaginate che questo cambiamento possa
avvenire automaticamente, senza che il ciclista sia costretto
a regolare qualcosa, inconsapevole che questi cambiamenti
stanno avvenendo costantemente e scorrevolmente.
Sembra magia, vero?

C.Non lo è. Incorporando ciò
che potrebbe essere descritto
come il “quinto” braccio nella
nostra piattaforma a 4 bracci-
un collegamento che unisce il
punto dell’ammortizzatore
posteriore inferiore e il perno
dei foderi posteriori orizzontali,
permettendo al punto dove è
montato l’ammortizzatore
posteriore inferiore e il perno
dei foderi posteriori orizzontali
di muoversi reagendo agli sforzi
della pedalata e della cunetta-
siamo in grado di ottenere tutte le qualità per andare in
bicicletta menzionate precedentemente. L’abilità di salire
come una bicicletta per escursioni brevi XC e quella di
scendere come una bicicletta da discesa unite in un’unica
bicicletta, dove non sono necessari cambi o strumenti.
Non si deve sacrificare una per l’altra.

Esse non sono nemmeno due modalità separate. La Magic Link reagisce costantemente a tutti gli sforzi che
agiscono su di essa e non è come un interruttore acceso/spento. Non è mai “ferma” in una modalità. Fa
semplicemente quello che è necessario. Qualche volta si ritrova tra le modalità, o pedalando tra le modalità, ma non
c’è si ottiene quella sensazione di cambiamento, come un’improvvisa alterazione della geometria della bicicletta.
Il ciclista è inconsapevole di quello che sta accadendo, si sta solo divertendo, pedalando come un pipistrello uscito
dalla grotta, su e giù. or el otro.

..........................................................................................................................................................................................................

Virtue
Sviluppata nel corso degli ultimi 2 anni dai nostri progettisti interni e in collaborazione con Brian Berthold di
Therapy Components, Magic Link è sicura di essere una drastica evoluzione nella prestazione delle nostre
biciclette a doppia sospensione, ridefinendo tutto quello che rappresenta una bicicletta Enduro/Freeride.


• Davanti e angoli della sella più appuntiti
• Diritto, posizione del ciclista più potente per scalare
• Escursione più rigida, corta • Foderi posteriori orizzontali più corti
• Posizione del ciclista e del centro di gravità spostati più in avanti

Descend
• Davanti e angoli della sella più morbidi
• Inferiore altezza della sella/centro di gravità
• Escursione più lunga, progressiva che sposta il ciclista e il centro di gravità verso la parte posteriore
• Foderi posteriori orizzontali più lunghi, specialmente in risposta alle cunette con angoli quadrati,
..permettendo alla ruota di reagire come nessun’altra prima
• Migliore prestazione della sospensione mentre si frena

..........................................................................................................................................................................................................

test
I progettisti e i tester presso Kona amano andare in bicicletta. E amano anche parlare di biciclette. Di conseguenza,
mentre iniziamo a perfezionare la nuova 2008 CoilAir con la tecnologia Magic Link, stanno prendendo il loro lavoro
molto seriamente. Molte pedalate e molte discussioni. Qui di seguito presentiamo degli spezzoni delle loro
conversazioni che hanno avuto luogo durante i mesi di test necessari per perfezionare la nostra nuova tecnologia
Magic Link.

Questa bicicletta si guida perfettamente per le discese e per le salite con il fuorisella. Prendendo le curve potevo
sentire piacevolmente i colpi della maglia nella posizione posteriore. Ho trovato che pedalare sui sentieri con un
terreno ondulato è un totale divertimento. Una veloce discesa in una breve salita e i vantaggi della maglia sono
eccellenti.

–Dave McNaught

Fino a questo punto non ho ancora fatto cose particolari, ho solo pedalato attorno, ma di sicuro la bicicletta
sembra connessa con la pista e aderisce ottimamente. Fino ad ora tutto è rimasto stabile; non si sono allentati i
bulloni, non c’è stato un rumore eccessivo e tutto il sistema sembra funzionare in modo scorrevole.
–Maurey Olsten

Sono uscita per alcune ore venerdì pomeriggio. Una delle prime cose che ho notato è che quando ho usato il
freno posteriore la catena si è attivata. Quindi posso stabilire di conseguenza la geometria della bicicletta prima di
affrontare le curve attivando il freno posteriore o non usarlo per niente in base a come voglio che sia la bicicletta.
Eccezionale.
–Pat White

Per prima cosa, ho dimenticato quanto fosse ottima la bicicletta per pedalare sui sentieri in giro, tecnici, molti
su e giù. A mio parere il divertimento è doppio se paragonato a DAWG.
–Kevin Hall

Tra la regolazione dell’escursione della forcella Lyric, la chiusa, il blocco, il blocco d’emergenza e tutte le
impostazioni di RP23XV, ho avuto l’impressione di poter andare da una bicicletta solo per strada a una bicicletta
da Coppa del Mondo DH. Un’altra cosa interessante è stata salire i sentieri con la forcella e la marcia principale
bloccate. Tenere rigida la bicicletta fino a quando si incontra una cunetta abbastanza grande e poi solo il Magic
link la assorbe, scivola indietro nella modalità per scalare e via. Non riesco a ricordarmi l’ultima volta che mi sono
divertita così tanto ad andare in bicicletta. Sciagurato divertimento.
–Pat White

La bicicletta ha scalato incredibilmente per essere una grande bicicletta. Ho detto ai ragazzi che sarei stato
indietro a causa della bicicletta pesante e anche perché non ero sufficientemente in forma, ma invece sono
riuscito a percorrere la strada piuttosto facilmente. In cima, mi sono buttato nelle sezioni immobili e bagnate
facilmente e con molta fiducia grazie alla prestazione della bicicletta. I ragazzi e i magri che vi obbligano a sedere
davanti e a pedalare continuamente sono stati completamente distrutti. È stato facile bilanciare e spostarsi
attraverso i tronchi con il centro di gravità e la posizione per ricevere colpi abbassati.
–Trevor Porter

Tutto sommato, credo che i punti forti della bicicletta siano: pedalare in situazioni tecniche, prestazioni di alta
velocità, cadute – la bicicletta affronta bene tutto questo come qualsiasi altra con escursione e angolazione
simili – essa curva così bene che voglio soltanto affrontare le banchine per tutto il giorno. L’impostazione è
stata ottima per il tracciato che stavamo percorrendo e la bicicletta è meglio di qualsiasi altra che noi produciamo
per quella situazione. Mi piacerebbe pedalare su di essa in una pista diversa per vedere come la affronterebbe.
–John Cowan

 


-------------